http://clk.tradedoubler.com/click?p=15238&a=1402973&g=89794
EVULON: IMMAGINARIO COLLETTIVO - Miti di oggi
Più di 1 Miliardo di visite in 7 anni!
 Mappa sito Poesia Politica Pittura Evulon paga Immaginario Satira Musica Approfondimenti Servizi
 Sonerie uniche I Forum Il Web Dediche musicali Attualità Racconti SMS Gratis Saggi - Articoli
NAVIGAZIONE
· HOME
Online
Ospiti: 6, Utenti: 0 ...

Utenti: 995
Ultimo Iscritto: giosue
Benvenuta/o
BACHECA
Per vedere tutti i contenuti di questo sito o per scrivere nella Bacheca devi essere registrato - per favore fai login oppure, se non sei registrato clicca qui per farlo


bullet mirrors 22 Oct : 17:13
Ciao, evulon
bullet mirrors 16 Oct : 18:44
Caro papà Lamberto, ci manchi.
Ciao evulon e evuloniani (almeno quelli rimasti)
bullet mirrors 13 Oct : 18:29
Ciao, papà. Ciao evulon
bullet mirrors 07 Oct : 17:19
Grazie
bullet patsol 06 Oct : 17:54
ho intuito adesso, condoglianze
bullet patsol 06 Oct : 17:44
mi spiace Giorgio...
bullet mirrors 06 Oct : 17:29
Ciao, caro papà, arrivederci, almeno spero.
bullet patsol 05 Oct : 10:04
un salutino a tutti
bullet Ewaan 26 Sep : 12:07
Bè, meglio tardi che mai..
bullet mirrors 25 Sep : 17:08
Come questa poi!? E' tanto che non ti si vede, perbacco.
bullet mirrors 25 Sep : 17:08
Bravo Ivan, molto divertente!
bullet Ewaan 24 Sep : 18:06
LINK
bullet Shona 19 Sep : 14:18
questa poi!
bullet mirrors 18 Sep : 18:05
Ehi, ragazze e ragazzi, ci sono!
bullet mirrors 17 Sep : 18:14
Shgona, shona, dove sei?
bullet mirrors 16 Sep : 17:19
Ciao, evulon. Ma se la mia esistenza non è che un accidente, quella degli accidenti cos'è?
bullet mirrors 13 Sep : 16:47
Beh, oggi posso dire: buon sabato
bullet civetta 11 Sep : 16:39
bullet mirrors 11 Sep : 16:10
Ciao, ragazzi di evulon e non...
bullet mirrors 07 Sep : 12:13
Buona domenica a tutti... si fa sempre per dire...
bullet mirrors 04 Sep : 16:50
Auguri anche da me, civetta.
bullet H.Rouge 04 Sep : 12:28
Auguri Civy!
bullet mirrors 31 Aug : 12:30
Augh! Oggi mi sento toro seduto, molto ma molto seduto
bullet mirrors 31 Aug : 11:52
Buona domenica, si fa per dire...
bullet Shona 26 Aug : 19:34
Ma non per me: non ho alcun buono proposito.
NEWSLETTER VELOCE
Ricevi le novità di EVULON direttamente nella casella di posta.
Per disiscriverti troverai il LINK in fondo alla NEWSLETTER
Scrivi il tuo indirizzo Email:


Powered by FeedBlitz
Siti consigliati
Nuovi Download
Nome N-Dl
IMMAGINARIE VOCI: Civetta - Settimo giorno 190064
Salvatore Nicolosi: Ornus per pianoforte 1217
Combofix per Windows 7 16049
Software per creare un CD-DVD 15542
COLLEZIONE DI JAVASCRIPT 96903
Recupera File 75769
PAINT NET: ottimo elaboratore di immagini 16978
Ewaan: SINFONIA - Quarto movimento 1932
Ewaan: SINFONIA - Terzo movimento 1924
Ewaan: SINFONIA - Secondo movimento 1726
Ewaan: SINFONIA - Primo movimento 1935
EWAAN: Lacrime di principessa 561
AVIRA FREE 2012 IN ITALIANO 896
EWAAN: Concerto per piano e orchestra - Finale 805

Vedi tutti i Download
Il Network
Il NETWORK:
- Siti satellite
- Novità nei Cinema
- Directory Project
Cuba, Fidel e il dialogo impossibile sul "caballo mistico"
Cuba, Fidel e il dialogo impossibile sul "caballo mistico"
Maurizio Friday 04 August 2006

Sul dibattito su Cuba, è sorprende come sia difficile per molti non prendere partito in maniera estrema. L'esperienza della rivoluzione cubana è così articolata e così intimamente legata alla storia del continente degli ultimi cinquant'anni che non può esservene disgiunta. Ebbene, chi scrive esprime, rispetto alla rivoluzione cubana, un giudizio "articolatamente positivo". Vale a dire che ne vede perfettamente le ombre -e se d'uopo ne scrive- ma non può fare finta, come fanno in troppi che sanno stare in società, che non ci siano anche le luci. Tra queste il fatto che Cuba negli ultimi 17 anni sia uscita dalla schiavitù della monocoltura, problema che non aveva neanche iniziato a risolvere al tempo del rapporto privilegiato con l'Unione Sovietica.
di Gennaro Carotenuto


E' utile dibattere su Cuba con chi ne ha un'opinione "articolatamente negativa", ovvero che considera che la mancanza di libertà formali pesi sulla bilancia più di alcune non negabili conquiste. Sono problemi ai quali non si può essere insensibili. Il problema fondamentale in quest'ambito è quello su quale tipo di opportunità sociali vengono privilegiate. Cuba non ha risolto il problema, tipico dei regimi socialisti, di non sapere offrire abbastanza opportunità/libertà ai giovani adulti, che pure ha opportunamente preparato. Ma Cuba ha pur sempre offerto ai propri cittadini una base di partenza di diritti che il capitalismo non sa e non vuole garantire.
Le società affluenti, sotto il fondamentalismo neoliberale, si stanno rapidamente trasformando da "società dei due terzi" (due terzi inclusi, un terzo esclusi) in "società del terzo", dove solo un terzo della popolazione vive bene e gli altri due terzi si arrabatta nella precarietà e nell'incertezza. Moltissimi tra gli esclusi vengono scartati già alla nascita, o perché moriranno di mortalità infantile, o perché per classe sociale non peseranno sullo stato, studieranno poco, lavoreranno poco e male, non arriveranno mai alla pensione. L'esclusione in entrata facilita moltissimo le cose in una società capitalista.

L'utopia cubana è stata quella di non escludere nessuno. Ma se nessuno è escluso tutti pesano sulla società. Cuba, con i suoi dati su mortalità infantile, salute, scolarità ha vinto una grande battaglia. L'ha vinta al prezzo di perdere spesso la battaglia della soddisfazione personale da adulti, delle opportunità/libertà da offrire ai giovani adulti, dell'impossibilità di soddisfare per tutti desideri di consumo che non sono necessariamente sinonimi di consumismo.
Ma tra il 46% di bambini denutriti in Guatemala e il virtuale zero di Cuba, come è possibile non valutare positivamente l'opportunità alla nascita che il socialismo cubano è riuscito a garantire ai propri cittadini e che il capitalismo non si preoccupa di dare? Allo stesso modo, di fronte a quell'8.7% di PIL speso in educazione, che secondo dati del CEPAL è il dato più alto del continente e forse del mondo, come si può avere una valutazione SOLO negativa?

E' interessante sempre dialogare con chi è in grado di articolare il discorso sull'isola, molto di più di quanto sia interessante dialogarne con chi ha una visione "acriticamente positiva" del processo cubano. E' invece difficile dialogare con chi ha un'opinione "negativa a prescindere" fino a dare credito perfino alle veline di Washington. Con chi parla di "gerontocrazia" poi è inutile spendere un secondo, giacché o non sa neanche dov'è Cuba o è davvero in malafede. Gerontocrazia è l'Italia, non Cuba. Si scandalizzano degli 80 anni di Fidel ma Napolitano ne ha 81 e Berlusconi finirà la legislatura con 74 anni. Con la differenza che a Cuba la metà della classe dirigente, ministri... ha meno di 40 anni, e da noi a 40 anni quelli che hanno le capacità per essere classe dirigente spesso fanno ancora i pony express. Sarà democratico così, ma è uno spreco di risorse umane almeno quanto è frustrante quando a Cuba si vede un laureato fare l'ascensorista.

Chi scrive ha conosciuto posti, è entrato in case, dove sotto il fondamentalismo neoliberale sono morti bambini di fame, a Bella Unión, a Tucumán... ho passato mesi e mesi della mia vita in posti dove di fatto non esisteva circolante, come nel pauperrimo Maranhão in Brasile, dove i bambini vanno a caccia di coccodrilli per fame e... qualche volta vince la fame dei coccodrilli. Sarebbe bene organizzare gite scolastiche a far vedere come funziona il capitalismo reale in America Latina ed inserirlo come elemento di valutazione per giudicare la resistenza dei cubani.
Cuba, in termini materiali, ha poco o nulla di buono da offrire ad uno svedese o a un belga e alla maggioranza o quasi totalità degli italiani. Ma Cuba è un paradiso terrestre per chi è nato a Renca, a Santiago, o al Cerro di Montevideo o alla Rocinha di Río de Janeiro. Al Maciel, lo storico ospedale pubblico della città vecchia di Montevideo, ho assistito una persona ricoverata in condizioni infraumane perché aveva avuto la sfortuna di ammalarsi nell'unico mese della sua vita nella quale non aveva potuto pagare i 100 dollari di "sociedad medica", l'assistenza medica privata di fatto obbligatoria. Aveva pagato ininterrottamente per 22 anni, ma quel solo sgarro era bastato per spedirla all'inferno. Non aveva diritto a nulla. A Cuba si vivevano i giorni più duri del periodo speciale, e i nostri giornali pontificavano sul fatto che negli ospedali mancassero medicine e filo per suturare. Ricordo ancora la dottoressa del Maciel che mi mostrò gli scaffali degli ambulatori completamente vuoti. In piena democrazia liberale non c'erano medicine, anestetici, né fili di sutura al Maciel. Esattamente come a Cuba. Ma per denunciare Fidel Castro si riempivano le pagine mentre per denunciare Julio María Sanguinetti non si sprecava neanche una riga. Adesso, dieci anni dopo, Cuba esporta medicine, mentre al Maciel quegli scaffali continuano a restare vuoti e chi non ha i soldi per pagare continua a morire. Quale dei due sistemi è ingessato? Quale è più vitale?

Un altro argomento degli "anticubani a prescindere" che non convince è quello per il quale sarebbe razzista pensare che i cubani non debbano beneficiare di diritti dei quali beneficiano gli europei. Avrebbero ragione se si scandalizzassero della stessa maniera per la ben più estesa mancanza di diritti di chi nasce in una Villa Miseria del Gran Buenos Aires. L'Avana, come Catia di Caracas o il Callao di Lima non è Stoccolma. Ma tra l'essere un lumpen a Bogotá e l'essere un cittadino all'Avana cosa scegliereste? Rispetto a questa elementare considerazione vengono in mente quelli che credono nella reincarnazione. Tutti credono di essere stati in un'altra vita principesse o cavalieri erranti. Se ne incontrasse mai uno che in un'altra vita è stato un minatore, uno schiavo, un bracciante! Fuori dal faceto: il vero dramma dell'America Latina è stato la cronica incapacità di trasformare la democrazia formale in democrazia sostanziale.

Molti anticubani a prescindere (non tutti) considerano la violenza endemica -sociale, politica, economica- imposta dal capitalismo come parte dell'ordine naturale delle cose e la considerano di per se stessa se non desiderabile almeno accettabile. Normale. Al contrario considerano intollerabile la situazione cubana in quanto rottura di un ordine -quello capitalista e liberaldemocratico- che si vorrebbe di natura. Quando Pablo canta "no vivo en una sociedad perfecta" probabilmente risponde proprio a questa obiezione. A Cuba si esige che sia perfetta perché ha osato sfidare l'ordine naturale delle cose, mentre la società capitalista può essere così imperfetta perché risponde a un ordine naturale. Mesi fa un'informativa dei servizi segreti britannici -non chiedetemi di cercarla, piuttosto non credetemi- affermava che Cuba è il quinto paese meno corrotto al mondo. Bell'elemento di dibattito! Certo che Cuba non è perfetta, ma i politici italiani -Bertinotti in primo luogo- così scandalizzati dal "fallimento" della Rivoluzione cubana, appaiono meno scandalizzati dalla bancarotta etica della Repubblica italiana che è sotto gli occhi di tutti.

Glenda Alfonso Castillo, (ne scrissi qui: http://www.gennarocarotenuto.it/dblog/articolo.asp?articolo=7), medico di Barrio Adentro in Venezuela, mi raccontava dell'esperienza in Guatemala dove è rimasta per mesi con i superstiti dell'uragano dell'anno scorso che ha fatto decine di migliaia di morti nel silenzio dei media mondiali che guardavano solo a Nuova Orleans. Mi raccontava che i suoi assistiti erano tutti analfabeti e che perfino i latifondisti del posto non avevano più della seconda o terza elementare. Confrontava tale esperienza con la propria, discendente di schiavi, nipote di tagliatori di canna, sua madre prima e oggi lei e i suoi fratelli, oggi sua figlia, hanno avuto dalla Rivoluzione la possibilità di studiare e laurearsi ed avere un avvenire incomparabilmente migliore che se la Rivoluzione non ci fosse stata. La difficoltà materiale di vivere a Cuba è grande e lei ne è cosciente. Ma sa che non è con il tenore di vita di una dottoressa Glenda di Stoccolma con la quale deve confrontare il proprio tenore di vita. Deve confrontare il suo tenore di vita, quello della discendente di schiavi, tra quello che avrebbe avuto senza la Rivoluzione e quello che ha con la Rivoluzione. E non ha dubbi.


http://www.gennarocarotenuto.it</span>

invia email per segnalare ad un amico per stampare facilmente
>> Lista degli articoli di questa Categoria
<< Torna alla front page degli articoli
Votazione
Non votato

Su questo sito devi essere loggato per postare i commenti - per favore, loggati oppure se non sei registrato clicca qui per iscriverti
C E R C A su EVULON

Prova il nostro MOTORE DI RICERCA.
Traduttore
Orologio e CHAT
Ultimi post sul Forum
mirrors on 21 Aug : 11:51
Trovata sul web.
Chi l'ha scrit

civetta on 19 Aug : 18:28
Mettete addosso una curiosità...non tant

H.Rouge on 14 Aug : 16:56
io sì invece...


mirrors on 05 Aug : 13:12
Shona wrote: ...ma questa è una poesia!

Shona on 31 Jul : 18:47
ma questa è una poesia!

mirrors on 23 Jul : 17:24
Oh!

Mia magica malinc

civetta on 27 May : 23:57


mirrors on 27 May : 16:43
meno male. Anche perché ora devo mantene

civetta on 19 May : 20:03
Complimento..ovvio!



mirrors on 19 May : 17:55
Alta, silente e docile gazzella


mirrors on 19 May : 17:32
Devo prenderlo come un complimento o com

civetta on 17 May : 15:16
La strada per il Paradiso è lastricata d
Articoli
bullet Laleh Pourkarim
bullet Distorsioni
bullet Il battere
bullet Perché una Messa? Perché no? Finale
bullet Perché una Messa? Perché no? 6
bullet Perché una Messa? Perché no? 5
bullet Perché una Messa? Perché no? 4
bullet Perché una Messa? Perché no? 3
bullet Perché una Messa? Perché no? 2
bullet Il Decalogo del terremotato (e della terremotata) consapevole
PUBBLICITA' PROGRESSO
Pubblicita Progresso: Leggere aiuta a crescere
© GLGT
Contatore
Numero di volte che gli ISCRITTI hanno visitato questa SEZIONE del SITO, oggi:: 514
Visitatori Totali: 427985157
(unici dal 30-01-06:427343603)
Record: 208676 (unici:208662)

Regolamento e Privacy
Ospitato su Server di AziendeItalia.com
INFO e contatti con il Main Admin
WEBMASTER


Tutti i marchi © sono dei rispettivi proprietari, altri contenuti, immagini e testi vari sono di EVULON.
Evulon non è da ritenersi responsabile per i contenuti postati dai suoi iscritti
o per i Siti che gli Utenti consigliano
Realizzato secondo le regole della GNU GPL license